Fotografie
Il teatro italiano durante il seicento
Fotografie Arte

Nell’ambito della prosa il Seicento può vantare un’importante produzione storiografica che si ispirava alla linea politico-diplomatica della Storia d’Italia di Guicciardini. Ma il capolavoro del secolo è l’Istoria del concilio tridentino del frate veneziano Paolo Sarpi. L’opera, edita a Londra nel 1619 (in Italia solo nel 1689-90) venne subito inserita nell’Indice dei libri proibiti per la battaglia condotta dall’autore contro il sistema ecclesiastico in nome del valore autonomo delle strutture statali.

Nel Seicento proliferarono gli scritti sulla politica che ponevano al centro dell’attenzione gli interessi dell’organismo statale (il concetto della “ragion di stato”). E per riflettere sui meccanismi del potere dispotico vennero recuperati il pensiero di Machiavelli e l’opera storica di Tacito. L’interesse per questo storico (“tacitismo”) trova espressione anche nella traduzione, in gara per concisione con l’originale latino, della sua opera per mano di Bernardo Davanzati (1529-1606). Fra i trattatisti politici si segnalano i nomi di Ludovico Zuccolo (1568-1630), Paolo Paruta (1540-1598), Traiano Boccalini e del gesuita Giovanni Botero, che pubblicò il trattato politico più famoso del tempo, Della ragion di stato (1589).

 

A fianco della trattatistica politica si sviluppò sul fronte letterario una trattatistica barocca, per precisare, approfondire e sistemare sul piano teorico e in termini retorici la grande avventura del nuovo gusto. Uno dei primi testi è quello dell’emiliano Matteo Peregrini (1595 ca. - 1652); ma il testo più importante è Il canocchiale aristotelico (1654) del torinese Emanuele Tesauro (1592-1675): le infinite possibilità combinatorie della metafora divennero in lui un modo per celebrare la ricchezza della realtà e la superiorità del tempo presente sul passato.
Il teatro

Una delle costanti della cultura barocca è il senso della teatralità della vita, connesso a quello della vanità della stessa. Da qui lo sviluppo del teatro e delle sue tecniche. Si crearono nuovi generi non più corrispondenti alle forme classiche (dalla tragicommedia, al melodramma, alla Commedia dell’Arte) e nuove professioni legate al teatro, come quella dell’attore, e venne fissata la forma della sala teatrale, con la separazione degli spazi destinati alla scena e agli spettatori. La vitalità del teatro nel Seicento va ben oltre quella dei testi drammatici, che sono modesti in Italia rispetto all’Europa: in Francia (Corneille, Racine, Molière), in Spagna (Lope de Vega, Calderòn de la Barca), in Inghilterra (Shakespeare e il teatro elisabettiano) abbondano grandi testi, a fronte dei quali l’Italia può vantare poco.

Ma l’Italia tra Cinque e Seicento vide nascere, svilupparsi e passare poi in Europa forme teatrali fortemente spettacolari non dipendenti dal controllo della parola. Un caso è quello della Commedia dell’Arte, teatro profano del corpo e della maschera. È un teatro di professionisti che, organizzati in compagnie girovaghe, comunicano con la bravura tecnica e l’espressività del corpo, improvvisando con la parola sulla base di intrecci e scene tipiche.

Gli attori indossano la maschera per tipizzare qualità psicologiche o regionali del personaggio, e anche il linguaggio impiegato nella comunicazione orale è spesso una mescolanza di forme regionali di aree contigue, un plurilinguismo stereotipato. La prima compagnia di comici professionisti si formò a Padova nel 1545. Le compagnie girovaghe, che raggiungevano il popolo più comune nei centri più disparati e anche più piccoli, ebbero particolare successo nel Seicento e per buona parte del Settecento.

Un altro caso è quello del dramma per musica (per il quale in seguito si sarebbe utilizzato il termine “melodramma”). Tutto aveva preso avvio nel tardo Cinquecento dalla sperimentazione della Camerata fiorentina, e il primo melodramma fu la Dafne del

Maschere della Commedia dell’Arte
Maschere della Commedia dell’Arte. Encarta
poeta Ottavio Rinuccini, rappresentato a Firenze nel 1598. La produzione più ricca si ebbe a Venezia con la costruzione di teatri pubblici a pagamento e a Roma, dove gli ambienti ecclesiastici diedero vita a un teatro morale o basato sulla storia sacra. In mancanza di norme definite, il genere assunse forme varie, e nel processo evolutivo il testo drammatico assunse forme sempre più schematiche fino alla sua subordinazione alla musica.
La commedia letteraria continuò nel Seicento con nuove forme e intrecci destinati a finalità moraleggianti. I centri di produzione più importanti furono Napoli, Firenze e Roma. Qui si sviluppò, alla fine del Cinquecento, un tipo di commedia semplice che riproduceva in forme letterarie gli schemi narrativi della Commedia dell’Arte. La tragedia, con attenzione alla politica e alle riflessioni sulla ragion di stato, indulgeva a un gusto truce e violento secondo il modello del latino Seneca. Lo scrittore più autorevole di questo genere fu il piemontese Federico Della Valle. "Letteratura italiana," Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2009
http://it.encarta.msn.com © 1997-2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.
Ricerca personalizzata