Fotografie - Viaggi - Infos

Libano negli anni '90


Rovine Beirut
Rovine Beirut

Le elezioni del 1992 per l’Assemblea nazionale (le prime dal 1972) vennero boicottate dalla gran parte dei maroniti e videro la vittoria dei partiti filosiriani, con la nomina a primo ministro del sunnita Rafiq al-Hariri. Alla presidenza della repubblica e a quella del Parlamento vennero nominati gli altri due protagonisti degli accordi di Ta’if: Elias Hrawi e Nabih Berri. Nel marzo 1993 il governo varò un piano per la ricostruzione del paese.

Nell’ottobre del 1995 l’Assemblea nazionale libanese approvò un emendamento alla Costituzione che prolungò il mandato presidenziale di Hrawi. Le elezioni legislative del settembre 1996 videro il rafforzamento del regime politico nato dagli accordi di Ta’if.

Nel sud del paese continuò lo scontro tra gli Hezbollah e Israele, che lanciò diverse offensive giungendo nell’aprile 1996, con l’“Operazione Furore”, alle porte di Beirut. Gli scontri coinvolsero pesantemente la popolazione civile, costretta ad abbandonare a decine di migliaia i villaggi; l’episodio più grave accadde ad aprile, quando l’esercito israeliano bombardò un campo-profughi delle Nazioni Unite a Cana, causando la morte di più di cento civili.

Nel 1998 l’elezione alla presidenza della repubblica di Emil Jamil Lahoud, già comandante dell’esercito, e l’ascesa alla guida del governo, al posto di Hariri, di Salim Ahmad al-Huss (un tecnocrate non legato alle tradizionali fazioni politiche), pose fine alla gestione tripartita del potere e avviò una fase di profondo rimescolamento delle alleanze politiche. La nuova leadership riconfermò i rapporti con Damasco.

Nel maggio 2000, dopo vent’anni di occupazione, Israele ritirò le sue truppe dal Sud del paese. Travolte dalle milizie Hezbollah, le forze filoisraeliane dell’Esercito del Libano del Sud ripararono in parte in Israele, in parte si consegnarono alle autorità libanesi. Tra agosto e settembre si tennero le elezioni legislative, che, grazie al significativo sostegno dei drusi di Walid Jumblatt, videro il ritorno al potere di Rafiq al-Hariri. Dopo le elezioni, la comunità maronita, peraltro divisa, iniziò a richiedere con forza la completa applicazione degli accordi di Ta’if e il ritiro delle truppe siriane dal paese.

Nuovi focolai di tensione


Con il Syrian Accountability Act, nel dicembre 2003 gli Stati Uniti adottarono sanzioni contro la Siria, chiedendo a Damasco di ripristinare la completa indipendenza del Libano. Sotto le pressioni di Stati Uniti e Francia, il 2 settembre 2004 le Nazioni Unite votarono la risoluzione 1559, chiedendo il ritiro delle truppe siriane dal Libano. In ottobre l’ex ministro dell’economia, il deputato druso Marwan Hamadé, sfuggì a un attentato nel centro di Beirut. Nello stesso mese, in seguito a uno scontro con il presidente Lahoud (di cui la Siria voleva prorogare il mandato), Rafiq al-Hariri lasciò la guida del governo, che fu assunta da Omar Karamé.

Il 14 febbraio del 2005 l’ex premier Hariri cadde vittima di un devastante attentato insieme ad altre 17 persone.

Nei giorni successivi, in un clima di forte tensione, centinaia di migliaia di persone scesero in piazza per chiedere il ritiro delle truppe della Siria, ritenuta responsabile dell’attentato. Il 28 febbraio Karamé lasciò la poltrona di primo ministro, mentre iniziò il ritiro delle truppe siriane. A sostegno di Karamé e della presenza siriana si schierarono invece gli Hezbollah, che animarono a loro volta imponenti manifestazioni di piazza. Nelle elezioni di giugno si affermò una coalizione di partiti antisiriani guidata da Saad al-Hariri, figlio dell’ex premier assassinato a febbraio. Alla carica di primo ministro venne chiamato Fouad Siniora. Nello stesso mese caddero vittime di attentati il giornalista Samir Kasir e l’ex leader del Partito comunista George Hawi, entrambi noti per le loro posizioni antisiriane.

Nel luglio 2006, in seguito alla cattura di due soldati del suo esercito da parte delle milizie Hezbollah, Israele lanciò una devastante offensiva contro il Libano, prendendo di mira, oltre che le postazioni degli Hezbollah, le infrastrutture civili del paese. Particolarmente colpiti dall’aviazione e dalla marina israeliani furono i quartieri sciiti di Beirut. In agosto l’esercito israeliano penetrò nel Libano del Sud, incontrando la forte resistenza delle milizie Hezbollah. Lo scontro causò ingenti perdite militari e civili da entrambe le parti. Grazie all’intervento della diplomazia internazionale, il 14 agosto venne proclamato un cessate il fuoco, cui seguì il dispiegamento di una forza di interposizione delle Nazioni Unite. A novembre riprese lo scontro tra antisiriani e filosiriani; in seguito all’approvazione di un disegno di legge sulla costituzione di un tribunale internazionale sull’attentato contro Rafiq al-Hariri, i rappresentanti di Hezbollah e di Amal lasciarono il governo; nello stesso mese cadde vittima di un attentato il ministro dell’Industria Pierre Gemayel, membro di un’influente famiglia cristiano maronita. "Libano," Origine : Emmanuel Buchot e Encarta.

Foto dei paesi europei da visitare

Immagini Turchia

Turchia

Foto Informazioni

Austria

Austria

Foto Informazioni

Foto di Polonia

Foto di Polonia

Foto Informazioni

Repubblica Ceca

Repubblica Ceca

Foto Informazioni

immagini Ungheria

immagini Ungheria

Foto Informazioni

immagini Spagna

Immagini Spagna

Foto Informazioni

Immagini della Scozia

Immagini Scozia

Foto Informazioni

Foto di Croazia

Croazia

Foto Informazioni

Foto Germania

Foto Germania

Foto Informazioni

Foto di Portogallo

Portogallo

Foto Informazioni

Immagini di Italia

Immagini di Italia

Foto Informazioni

Immagini d'Europa

Immagini d'Europa

Foto Informazioni

Immagini di Grecia

Foto di Grecia

Foto Informazioni

Immagini dell'Inghilterra

Inghilterra

Foto Informazioni

Foto di Svezia

Foto di Svezia

Foto Informazioni

Immagini Olanda

Immagini Olanda

Foto Informazioni

Immagini di Francia

Immagini di Francia

Foto Informazioni

Immagini dalla Slovenia

Foto dalla Slovenia

Foto Informazioni

Immagini della Danimarca

Danimarca

Foto Informazioni

Immagini di Iceland

Immagini di Iceland

Foto Informazioni

Foto di Asia da visitare

Immagini di India

Immagini di India

Foto Informazioni

Immagini Vietnam

Foto Vietnam

Foto Informazioni

Immagini della Cina

Immagini della Cina

Foto Informazioni

Immagini Hong Kong

Immagini Hong Kong

Foto Informazioni

Immagini Corea del Sud

Corea del Sud

Foto Informazioni

Foto di Cambogia

Foto di Cambogia

Foto Informazioni

Immagini del Giappone

Foto del Giappone

Photos Informazioni

Foto di Thailandia

Foto di Thailandia

Foto Informazioni

Immagini Taiwan

Immagini Taiwan

Foto Informazioni

Foto di Paese americano a visitare

Foto Stati Uniti

Foto Stati Uniti

Foto Informazioni

informazioni Sito web